ArteControl Consulting - Tutela e conservazione dei Beni Culturali e Civili - Lotta integrata antitarlo

Olympo Technology | Nanotecnologie Legno

Nanotecnologie Protezione legno

Protezione definitiva da tarli, tèrmiti, umidità e gelo

Tramite il Polo Interdisciplinare abbiamo avviato una nuova sinergia con 4Ward360 Nanotecnology, con la quale introduciamo una rivoluzionaria innovazione per la protezione del legno di carpenteria, di arredo e d’arte.

Carpenterie protette da tarli e tèrmiti

I formulati nanotecnologici saldano le proprie molecole con quelle del legno, senza alterare le sue proprietà organolettiche: colore, consistenza e traspirabilità.
Questa proprietà fisica impedisce agli insetti xilofagi - tarli e tèrmiti - e alle famiglie di insetti carpentieri - formiche, vespe e api -, di riconoscere le superfici trattate come legno, preservandole dai loro attacchi.
È importante, quando si applicano i formulati nanotecnologici alle carpenterie, assicurarsi che queste non abbiano infestazioni di tarli in corso, ma ancora occulte; potrebbe accadere, infatti, che il loro ciclo biologico non sia giunto, al momento dell’applicazione, allo stadio finale degli sfarfallamenti, che ne paleserebbero la presenza solo successivamente.
I formulati nanotecnologici, infatti, pur impedendo le nuove deposizioni di uova degli insetti xilofagi, non arrestano, nelle infestazioni già in corso, gli sfarfallamenti degli insetti adulti giunti alla fine del loro ciclo biologico: la coerenza molecolare della superficie protettiva ne sarebbe compromessa. Per questa ragione si raccomanda, prima di applicare il formulato alle carpenterie, già allestite, o non ancora in opera che siano, di sottoporle a disinfestazione radicale (come in Olympo Zephyrus)

Fessurazioni delle travi

I costi rappresentati dalla lunga giacenza nei depositi delle carpenterie lignee, per conseguire la loro corretta essicazione, inducono sempre più spesso a  venderle e metterle in opera ancora eccessivamente umide; da ciò, la frequente comparsa nel tempo di fessurazioni, man mano che le carpenterie perdono in modo naturale l’eccesso di umidità.  
I formulati nanotecnologici proteggono, anche in questo caso, le carpenterie lignee; la penetrazione in profondità nelle fibre del legno può essere regolata, da un minimo a un massimo, a seconda del tasso di umidità rilevata, o di altre esigenze. In tal modo, le superfici esposte all’interno delle fessurazioni che man mano vengono a formarsi risultano essere protette dagli attacchi degli insetti xilofagi.
Nota bene: la disinfestazione radicale termo-induttiva Olympo Zephyrus, oltre a essere uno strumento di cura radicale dagli attacchi dei tarli, svolge anche la funzione di essicamento delle carpenterie umide, contribuendo a neutralizzare l’azione di funghi e muffe.

Platee di fondamento e attacco di tèrmiti del terreno

Come ben sanno gli specialisti di tèrmiti Reticulitermes lucifigus, dette del terreno, una delle cause dei loro attacchi è costituita dalle casse di legno approntate per l’allestimento delle platee, che non vengono rimosse a cantiere ultimato.
Il legno lasciato nel terreno assorbe l’umidità sino alla marcescenza e costituisce un formidabile attrattivo per le tèrmiti del terreno, che, dopo avere demolito le casse, si trasferiscono all’interno dell’edificio, proseguendo la loro opera distruttiva. Si tratta di una casistica più frequente di quanto generalmente si pensi.

La lotta alle Reticulitermes lucifugus richiede l’intervento di specialisti; tramite il Polo Interdisciplinare, disponiamo sul territorio nazionale di una rete di specialisti molto selezionati. La lotta alle tèrmiti Kalotermes flaviocollis, dette del legno secco, le quali non  sferrano il loro attacco dal terreno, ma direttamente sul legno in opera a seguito di sciamatura dal nido di origine, si attua invece con le stesse tecnologie e metodologie impiegate per i tarli.

Alternativa all’impiego di antitarlo ad impregnazione

I formulati nanotecnologici possono essere vantaggiosamente sostitutivi dei bio-deterrenti antitarlo ad impregnazione; assicurano, infatti, la protezione delle carpenterie dagli attacchi dei tarli per 20 anni.
Gli antitarlo impregnanti, invece, conservano la loro piena capacità abbattente, prima di perderla rapidamente per ossidazione, per 2 anni; per mantenere allo stesso modo protette le carpenterie nel medesimo arco di tempo di 20 anni, quindi, l’applicazione con antitarlo impregnanti va ripetuta per 10 volte, a cadenza biennale (come in Olympo Protect). 

Carpenterie esposte ad acqua e gelo

L’applicazione di formulati nanotecnologici alle carpenterie esposte alle intemperie impedisce all’acqua di penetrarvi, anche con l’insorgere di fessurazioni che dovessero comparire successivamente all’applicazione, proteggendole per 20 anni dalla marcescenza e dalla formazione di ghiaccio.


Cordoli di rialzo nella costruzione degli edifici di legno

Le nanotecnologie rappresentano la soluzione ideale per risolvere alla radice l’annoso problema dell’umidità di risalita, eliminando ogni possibilità di marcescenza nel tempo.

segui > Le caratteristiche di 4Ward360



Scrivici per avere maggiori informazioni.

Motivo della richiesta
Informazioni Consulenza Consigli Risoluzione di un problema Sopralluogo Preventivo Supporto peritale in contenzioso Altro non in elenco

PRIVACY: GDPR Regolamento UE 2016/679 GARANZIA DI RISERVATEZZA. Privacy Policy
Avendo ricevuto adeguata informativa ai sensi del regolamento UE 2016/679, presto il consenso al trattamento dei miei dati personali. I dati del sottoscrittore del presente documento sono trattati in forma automatizzata al solo fine di prestare il servizio in oggetto. Il conferimento dei dati è facoltativo: si ricorda però che, in mancanza di essi, tuttavia, non sarà possibile dare corso al servizio in oggetto. I dati non saranno divulgati.